Rick and Morty: finalmente la sesta stagione

Dopo una lunga – quasi interminabile – attesa, finalmente il primo dicembre arriva su Netflix Italia la sesta stagione di Rick and Morty, serie d’animazione americana ispirata in modo parodico al film Ritorno al futuro, diventata un cult per la sua originalità, creatività e, perché no, anche per la sua “strambezza”.

Ma andiamo con ordine: inizialmente la serie, rilasciata il 4 settembre in America, sarebbe dovuta arrivare da noi il giorno dopo. Quindi perché questo rinvio? Questa è stata la dichiarazione di Netflix Italia: “Per colpa di vari pianeti sfogo e ritardi nella TV interdimensionale, Rick e Morty arriverà in Italia il 1 dicembre – ma con 6 episodi in una volta sola e sì, persino con Morty, purtroppo…
Da notare la quantità di citazioni alla serie e la frecciatina al povero Morty, ma resta il fatto che non abbiamo informazioni approfondite sul motivo del ritardo.

Facciamo un breve riassunto sulla trama della serie. I due protagonisti sono Morty, il classico 14enne che affronta i problemi della vita come la scuola, le ragazze, la famiglia, e Rick, il suo strambo e geniale nonno, scienziato e inventore, che lo trascina sempre in una miriade di avventure. Oltre a questo incredibile duo, ad arricchire la serie arriveranno numerosi personaggi, tutti perfettamente caratterizzati, che riusciranno a entrare nei vostri cuori.
Insomma, descrivere la trama è veramente complicato, ma ciò che possiamo dirvi è che non c’è niente di simile a Rick and Morty, tra momenti di rottura della quarta parete, gag deliranti, pianeti inesplorati e misteriosi e sì, anche momenti toccanti e profondi.
Gli episodi sono prettamente a trama verticale: ovvero, ogni episodio è a sé e non ci sono ripercussioni sui successivi. Ad eccezione di pochi – ma indimenticabili – episodi a trama orizzontale, ovvero che svolgono e portano avanti un intreccio.

Morty e “Evil Morty” (chi sa, sa)

Veniamo al perché secondo noi dovreste vedere questa stagione o, in caso, iniziare tutta la serie. Come già detto, Rick and Morty ha rivoluzionato il genere dell’animazione americana, grazie alla sua narrazione fuori dagli schemi. Ogni episodio vi porterà in un mondo fantastico, ricco di fantascienza, in grado di coinvolgervi e farvi andare in “pappa” il cervello. A livello personale l’abbiamo trovata in grado di far ridere genuinamente, che non è cosa da poco, e anche di far commuovere. Impossibile poi non citare il doppiaggio italiano, con Christian Iansante – voce di Rick – e David Chevalier – voce di Morty – che riescono a rendere perfettamente, se non migliorando, il doppiaggio originale.

Rick “tossico” vs Rick “sano”

Rick and Morty è diventato un vero è proprio fenomeno, arrivando a formare collaborazioni con i brand più disparati. Tutti abbiamo visto almeno una volta una felpa di Rick and Morty, ma ci sono anche collaborazioni meno “probabili”, come custodie per le Airpods, tubi di Pringles, lattine di Monster, ma addirittura anche skin – termine inglese per intendere un “costume” nei videogiochi – su Fortnite, famosissimo gioco targato Epic Games. Insomma, questa serie è arrivata ovunque. Direi che vale la pena vederla, no?

Tubi di Pringles con Pickle Rick, Morty, Mr. Miguardi (da sinistra verso destra)
Collaborazione con il famossissimo brand di vestiario Octopus
Funko Pop di Rick, Morty, Pickle Rick, Mr. Miguardi (da sinistra in alto a destra in basso)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.